martedì , 22 gennaio 2019
Home » Tecnologia » Cos’è un integratore di sistemi?

Cos’è un integratore di sistemi?

it system integratorUn integratore di sistemi può essere una società oppure un professionista, specializzato nel portare insieme sottosistemi di componenti in un tutto e di garantire che i sottosistemi funzionino insieme.
Quando parliamo di integratori di sistemi IT, ci riferiamo all’ utilizzo nella tecnologia dell’informazione campo (IT), l’industria della difesa, o in supporto.

Secondo l’Institute for Partner Education & Development, integratori di sistemi tradizionalmente si rendono conto di circa il 50 per cento delle entrate da servizi di consulenza e il 40 per cento delle entrate da servizi IT di progettazione, realizzazione e consulenza post-transazione.

Cosa fa l’integratore?

System Integrator è un termine che ha fatto il suo ingresso nell’informatica, all’inizio degli anni ‘80, quando con il boom dell’informatica si sono ampiamente diffusi i processi di automazione produttivi.
Sia che si parli di azienda o di singolo professionista, l’IT System Integrator  è colui che seleziona i migliori prodotti informatici nel mercato globale, servizi e sistemi in grado di soddisfare le necessità e le richieste del cliente. Il problema sicuramente più difficile da affrontare è quello della security, ovvero “analisi e rischio”.

Il professionista security deve essere in grado di valutare la classe di rischio del proprio cliente, per questo l’integratore deve possedere una formazione ed un’esperienza multidisciplinare, pertanto non basta essere informatici o specialisti dell’automazione, o installatori di sicurezza. Per essere IT System Integrator occorre avere un’insieme di competenze di base così definite:

  • Conoscenza delle norme di riferimento correnti.
  • Esperienza in campo nella realizzazione delle commesse.
  • Capacità di analisi e di sintesi delle problematiche della security.

Buona conoscenza della lingua inglese e competenze tecniche quali:

  • Utilizzo corrente di sistemi CAD per la ricezione e la stesura degli elaborati di progetto.
  • Progettazione di infrastrutture di comunicazione dati M2M e LAN.
  • Capacità di creare programmi di controllo e supervisione utilizzando linguaggi di programmazione standard.
  • Conoscenze di elettronica analogica e digitale e di elettrotecnica.

Meglio affidarsi ad un singolo professionista o ad un’impresa?

Nel corso degli ultimi anni sono nate diverse imprese che hanno saputo sviluppare a pieno tutte le competenze per potersi definire IT System Integrator.

La maggior parte di queste aziende, hanno un passato nella security e per questo sono in grado di sviluppare soluzioni congeniali ed in piena autonomia, per rispondere a tutte le esigenze dei clienti.
Queste aziende rappresentano il perfetto interlocutore sia per le piccole e medie imprese che per il professionista che intende dotarsi di un livello adeguato alle proprie specifiche esigenze.

Come i System Integrator italiani rispondono alle continue sollecitazioni?

In questi ultimi anni il mondo IT System Integrator è stato inondato da novità tecnologiche che, portando ogni singola società ad adottare una sua particolare strategia per governare fenomeni come i big data, il cloud computing e la mobile revolution. Tra queste, si è distinta Maticmind, impresa protagonista di diversi business case per enti privati e pubblici come la Regione Toscana.
Oggi il vero compito del system integrator, è quello di riuscire ad interpretare e assimilare le diverse esigenze traducendosi nell’evoluzione dell’offerta e nell’adeguamento della propria logica interna.
La complessità del panorama tecnologico porta sempre più ii clienti a scegliere un partner in grado di rispondere alle proprie esigenze, non solo  presenti, ma già sempre più rivolte al futuro, individuando al meglio  una tecnologia da integrare all’interno della propria infrastruttura.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>