mercoledì , 11 dicembre 2019
Home » Marketing » Il Visual Merchandising e… l’interior designer

Il Visual Merchandising e… l’interior designer

visual merchandisingLa visibilità è tutto in una attività commerciale, perché significa elevarsi dal contesto, ossia entrare in un processo di competizione percettiva per riportare in superficie quello che il prodotto nasconde. Molte aziende con la strategia “in store marketing”, si pongono come obiettivo quello di progettare concept e soluzioni espositive per la messa in scena del prodotto. Si possono in codesta e siffatta maniera realizzare dei veri e propri palcoscenici espositivi, dall’ideazione dei supporti fino alla sua presentazione al pubblico nel punto vendita, sempre con l’obiettivo mirato di adattarsi al meglio per soddisfare le esigenze di ogni singolo cliente, nei confronti dei quali le aziende del settore si propongono come un alleato affidabile per sviluppare i suoi progetti assicurando garanzia totale e professionalità rapportata ai massimi livelli. Dunque non si tratta di un mero allestimento di vetrine o del punto vendita, bensì di una strategia commerciale a tutto tondo di visual merchandising e in store marketing che valorizzerà la meglio il negozio del cliente e di conseguenza i suoi prodotti.

Interior Designer

Per Interior Designer altrimenti detta l’architettura degli interni, si intende la progettazione degli spazi e degli oggetti d’uso comune all’interno di un luogo chiuso, sia esso un’abitazione privata, sia esso un esercizio commerciale, uno spazio ricettivo, un ambiente di lavoro. Di norma si associa all’interior designer una figura professionale più simile a quella di uno stilista di interni, ma in realtà il designer presta più particolare attenzione agli aspetti pratici e funzionali del vivere la casa nella sua pienezza, ad esempio che i mobili abbiano la loro giusta dimensione, che siano rispettati gli spazi di passaggio, che gli arredi siano disposti in modo comodo e funzionale, che i materiali e le tecnologie siano di eccellente fattura e che non ci siano potenziali pericoli per la salute per chi usufruirà di questi ambienti. I punti fondamentali di questo progetto sono l’abbattimento delle barriere architettoniche, la ristrutturazione architettonica e l’ammodernamento per nuove disposizioni d’uso, fare in modo che ci sia una buona insonorizzazione, un rapporto equilibrato fra consumi energetici e comfort e che tutto l’ambiente sia in armonia tra l’ingombro degli spazi pieni e l’utilizzo di quelli vuoti. Prima dell’introduzione di queste definizioni, tutto questo si riconduceva all’arte della decorazione che veniva distinta dall’arte dell’architettura vera e propria, perché non andava incidere sulle strutture portanti degli edifici, ma si occupava sia degli abbellimenti interni ed esterni.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>