sabato , 22 settembre 2018
Home » Economia e Finanza » Intervista ad Eric, accompagnatore di professione

Intervista ad Eric, accompagnatore di professione

Pochi giorni fa, a seguito di recenti discussioni su unioni civili e sull’omosessualità, ho deciso di incontrare Eric, un ragazzo lombardo che ho contattato su uno dei tanti siti di escort gay di Milano che si possono trovare online. Eric Flame, nome d’arte di Enrico un ragazzo di Milano di 26 anni, recentemente laureatosi in chimica. Abbiamo un appuntamento nella sua casa, nella periferia sud di Milano, dove vive solo quando ha finito gli studi e dove sono io ha rilasciato la seguente intervista.

Io: Ciao Enrico, o Eric, come posso chiamarti?

Eric: Chiamami tranquillamente come vuoi

Io: come hai iniziato?

Eric: e’ difficile rispondere a questa domanda con precisione. In realtà tutto è iniziato un po’ per caso, quando tre anni fa, nel primo anno di laurea magistrale, ho iniziato a frequentarmi costantemente con i ragazzi, inizialmente quasi per gioco.

Io: Quindi possiamo affermare che il tuo è più un hobby che un lavoro vero e proprio.

Eric: Sicuramente all’inizio è stato così, mi trovavo a incontrare molte persone ed è stato, piuttosto un modo per trascorrere il tempo libero con persone diverse e nuove, parlando di ciò che ci accomunava e che abbiamo amato. Quindi se l’accordo era davvero forte, si può anche concludere la conversazione in casa di uno dei due.

I: E quando si è verificato il passaggio da hobby a lavoro?

Eric: Quando mi sono iscritto a diversi siti per escort gay che ognuno di noi può facilmente trovare su internet. Persone di ogni età e provenienza che ho scritto e ha cercato di fissare incontri con me, interessante, fra le cose semplici, come vorrei per trascorrere il pomeriggio, la sera o solo per una notte con loro.

I: E i vostri clienti sono persone qualsiasi?

Eric: Sì certo. Giornata di incontri con il farmacista, poi dopo un meccanico e quello dopo ancora il professore. Non c’è assolutamente un tipo di persone in particolare che ho o che ho in contatto con voi. L’unica più o meno comune a tutti i miei clienti è che si tratta di uomini già fidanzati o addirittura sposati.

Io: Ma sei un escort solo per gli uomini o per le donne?

Eric: di Solito solo per gli uomini,come già detto in precedenza, tutto è iniziato, la mia passione e il mio amore per il genere maschile. Essendo sul posto di lavoro, tuttavia, non rifiuto di uscire con una donna, se il pagamento è stato adeguato.

Io: Ti sei mai innamorato o rifrequentare il cliente solo per divertimento?

Eric: è successo solo un paio di volte che si presenti con un mio cliente ma poi la relazione, se così la possiamo definire, tempo, è molto breve, così come è difficile accettare che il vostro partner è o può essere una escort.

Io: Sei soddisfatto di questo tuo lavoro? Pensi che sarai ancora a lungo?

Eric: In questo momento io sono senza dubbio soddisfatto e felice, che è il mio lavoro. Mi permette di conoscere e frequentare tanta gente diversa, scambiare idee di, vedere il mondo sotto tanti punti di vista differenti. Non solo le persone con cui i miei clienti vengono e possono avere una serata di sesso a pagamento, è qualcosa di più intenso e profondo, il sesso è solo che, spesso anche eventuale per quanto possa lasciar stupiti. Molte persone si accontentano di cena in un ristorante, una camminata per le vie del centro e di poche parole, poco più intima. Per quanto riguarda le mie aspettative per il futuro non so come rispondere, ma senza dubbio, il tipo di attività e di impegno è adatto per persone molto giovani. Dopo alcuni anni sia per l’impegno tradizionali e il desiderio di avere un compagno costante e fedele potrei smettere.

Io: Come si può guadagnare in un mese con questo lavoro?

di Eric: E il lavoro che faccio part-time, ma posso tranquillamente arrivare a 4-5000 al mese

Io: Ma la tua famiglia e in particolare i genitori sanno quello che stai facendo?

Eric: ultimamente non ho un rapporto stretto con i miei genitori ma più o meno sanno quello che faccio. Non credo, so esattamente di cosa sto escort gay, probabilmente pensano solo che mi piace frequentare tante persone diverse, che in realtà non è molto sbagliato.

Io E altre persone, conoscenti, amici, che sanno e cosa pensano? Ti senti di giudicare?

Eric: Viviamo in una società in cui non è facile accettare le differenze e riconoscere che le persone possono avere passioni e gusti diversi dai propri. Per alcuni quello che sto facendo è contro natura, è, inaccettabile, quasi diabolico. Per altri, soprattutto i miei amici e le persone che mi conoscono meglio, di, quello che faccio questo è normale e rispondono alla parola “gay escort” così come reagirà la parola“medico” o“estetista”.

I: quali consigli si sta offrendo un ragazzo che vuole diventare una escort gay come stai?

Eric: devo prima di tutto chiedersi se ciò che si vuole veramente incontrare persone così diverse e un po’ di sconosciuti. Può capitare di incontrare persone che fanno offerte e le offerte non piace e si dovrebbe essere in grado di rifiutare ricordando che prima di tutto la propria personalità e il proprio benessere, è una escort, “escort” come si dice con un termine più neutro, non la prostituzione. Se si è sicuri che questa sia la propria strada, è bene iniziare a provare questa attività facendosi conoscere siti dedicati alla escort gay, basta mettere un paio di annunci, qualche foto e qualche informazione personale.

Io: Grazie Eric, sei una persona molto intelligente e intelligente. Buona fortuna e buon lavoro!

Eric: Grazie per il tuo interesse e la professionalità.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>